Debhora Ardemagni

Debhora Ardemagni

Peli incarniti? Spieghiamo il problema

I peli incarniti rappresentano un fastidioso disagio per tante persone, anziché fuoriuscire dalla pelle crescono arrotolati sotto cute oppure lateralmente. Non trovando “una via di fuga” rimangono intrappolati e causano irritazione, rossore e a volte anche pus. Principalmente li troviamo in aree sottoposte a continua depilazione e talvolta può associarsi a follicolite. Si può avvertire prurito e rossore e se troppo grossi possono creare dolore quando si preme la zona colpita. Se non trattati correttamente possono causare anche cicatrici. I motivi che possono fare incarnire i peli, sono molteplici, ecco alcuni esempi:

indumenti troppo stretti che non fanno passare aria per ossigenare la pelle.

pelle umida: le zone in cui è più facile avere peli incarniti sono inguine, ascelle e retro della coscia, perché rimane umida e i peli fanno fatica a bucare, se la pelle rimane asciutta il pelo è più facilitato a sbucare. Per esempio prendiamo una classica spugna (asciutta) per lavare i vetri e proviamo a bucarla con uno spillo, ora impregniamo d’acqua la spugna e facciamo la stessa operazione; essendo “il tessuto” più flessibile risulterà faticoso da bucare. Soluzione? Teniamo asciutta la zona con il talco o in alternativa dell’amido.

cellule morte: l’accumulo di cellule morte forma uno strato duro che fa si che i peli si arrotolino e rimangono incastrati. Soluzione? Esfoliazione! Effettuate un paio di peeling a settimana per ma tenere “pulita” la zona.

peli che si arrotolano: la punta del pelo è sottile e morbida, di conseguenza se trova un ostacolo inizia ad arrotolarsi su sé stessa continuando a crescere. Si formeranno degli antiestetici brufoletti. Soluzione: esfoliazione e idratazione con prodotti che non contengano paraffina/mineral oil, altrimenti andiamo ulteriormente ad occludere il poro. Questi due “ingredienti” sono derivati dalla lavorazione del petrolio e vengono inseriti nei cosmetici perché formano sulla pelle una sorta di pellicola che la fa apparire levigata e idratata. Questo ‘scudo’, in realtà non fa penetrare a fondo i principi attivi contenuti nel prodotto.

follicoli storti: questione di genetica. Non possiamo modificare la struttura del pelo ma possiamo aiutare la fuoriuscita seguendo le “istruzioni “ precedenti: quindi esfoliare correttamente la pelle e idratarla con prodotti idonei.

cheratosi pilare, cioè eccessiva produzione di cheratina da parte del follicolo. Qui l’unica soluzione definitiva è il dermatologo che vi farà usare preparati galenici per migliorare la situazione.